Mercoledì, 23 Aprile 2014
Contenuto Principale

Basket Dnc - La Ilco Stella Azzurra non esita davanti all'Olimpia Cagliari (77-59)

Doveva essere una prova di maturità per la ILCO Stella Azzurra Viterbo ed al termine della sfida contro l'Olimpia Cagliari possiamo dire che sia stata anche superata. La formazione viterbese ha infatti concluso «all'attivo» tutti i periodo del match, chiudendo di fatto i giochi già a metà dell'ultimo quarto. I biancostellati hanno offerto un'ottima prestazione, lucida in attacco e determinata in difesa dove hanno costretto i sardi ad affidarsi ai tiri dalla distanza.

Serie DNC Girone F - 5^ Giornata Ritorno

ILCO Stella Azzurra-Olimpia Cagliari 77-59 (18-13; 20-18; 18-11; 21-17)

Stella Azzurra Rossetti 22, Caula 3, Ottocento 11, Basili 22, Toselli 6, Giganti 6, Rogani 3, Meroi -, Ripamonti -, Benincasa 3. All. Pasqualini

Olimpia Pinna -, Manca 14, Cocco 2, Ganga 4, Mastio 7, Schiffini 11, R. Pintor 9, Chessa 2, Soro 10, Masella -. All. Corso

Arbitri Giuseppe Cardano e Silvia Marziali

La partita si apre con una tripla dell'argentino Caula dall'angolo. L'Olimpia rialza la testa, puntando molto sulla fisicità dell'esperto centro Soro (classe '75) e sulle azioni del play Manca. Sul 4-4 Toselli è caparbio a prendere un rimbalzo offensivo e riportare in vantaggio la Stella, che in questa fase è abile nello sfruttare gli errori degli avversari in fase di costruzione del gioco. Sul risultato di 8-8 Rossetti si accascia al suolo a bordo campo iniziando a sanguinare dal naso: al suo posto entra Basili, ma il numero 6 viterbese tornerà in campo nel secondo periodo senza alcun problema. L'Olimpia torna in vantaggio ma prima Toselli e poi Basili, su assist di Caula, portano lo score sul 12-10. Si apre così un parziale di 8-0 che viene spezzato nel finale dal recupero dell'Olimpia, ma il periodo termina con un incoraggiante 18-13.

Pronti via, e subito Basili infila una tripla alla ripresa del gioco. Tuttavia la Stella perde tonicità in attacco e Pasqualini decide di reinserire Caula al posto di Ottocento per far riordinare le idee alla squadra: arrivano due triple di fila, firmate da Rossetti e Basili (27-19). A questo punto i cagliaritani iniziano a perdere qualche pallone di troppo, costringendo Corso a chiamare un time-out; alla ripresa del gioco Mastio trova una importante tripla a cui «rispondono» prontamente Basili (terza tripla di fila per lui) e Rossetti (34-22). Nel finale dle periodo la formazione ospite riesce a ridurre lo svantaggio anche grazie ai 7 punti di Roberto Pintor. Si va al riposo lungo sul 38-31.

Anche il terzo periodo si apre con una tripla, firmata da un ottimo Rossetti. Pasqualini inserisce di nuovo Basili al posto di Ottocento, un po' falloso nelle prime battute. In questo periodo l'Olimpia Cagliari tenta di dare il tutto per tutto, portandosi sul 48-41 quando Caula intercetta un passaggio e serve a Basili un pallone che viene appoggiato al tabellone. Poco dopo Rossetti rincara la dose con una bella azione personale che si conclude con due punti importanti, ricevendo nell'azione successiva un assist da Ottocento dopo che il numero 8 viterbese aveva rubato un pallone: la fretta di concludere le azioni gioca  un brutto scherzo all'Olimpia. Nelle ultime battute Chessa sbaglia due triple di fila e la difesa biancostellata è abile nell'impedire a Mastio di concludere nell'ultimo possesso del periodo: siamo così sul 56-42.

L'ultimo quarto stavolta si apre con due punti sardi (Ganga) e con un leggero infortunio per Giganti che viene sostituito da Toselli. Poco dopo il centro viterbese segna un importante canestro con una magia sulla sirena dei 24 prima della tripla di Ottocento che porta la Stella Azzurra su un quasi decisivo +19 che costringe gli ospiti ad un bombardamento di tiri da tre senza alcuna fortuna. I sardi non si arrendono, e nel finale si susseguono i consueti falli per mandare al tiro dalla lunetta i giocatori di coach Pasqualini, che non perdono minimamente la freddezza. Nonostante gli 11 punti di Schiffini realizzati in una manciata di minuti il risultato arride ai viterbesi, che vincono 77-59 mettendo un altro mattone importante nella costruzione di un buon piazzamento valido per i play-off. Il titolo di MVP della sfida va equamente diviso tra Rossetti e Basili, sempre pronti all'appuntamento col canestro; nelle file dei sardi invece è mancata del tutto la chiave di lettura della difesa viterbese, in evidenza per impegno e determinazione l'esperto Roberto Pintor.

risultati e classifica DNC Gir. F